admin Novembre 11, 2016 Nessun commento

Un milione e mezzo di italiani pagheranno di piu’ per l’Rc Auto nel corso del 2016. Toscana, Umbria e Lazio sono le regioni dalle quali proviene il maggior numero di denunce di incidenti con colpa, mentre le categorie piu’ distratte al volante si rivelano quelle di medici e insegnanti. Vigili e militari danno il buon esempio, prestando la maggior attenzione alla guida. Sono queste le rilevazioni di inizio 2016 del portale Facile.it, secondo il quale saranno oltre un milione e mezzo gli italiani che, avendo provocato un sinistro nel corso dell’ultimo anno, dovranno pagare un premio assicurativo piu’ elevato dell’anno appena passato. Si tratta del 4,43% degli utenti, una percentuale in crescita rispetto a quella dello scorso anno (4,09%).

Le donne si rivelano quelle piu’ maldestre (ma anche quelle piu’ oneste con la propria compagnia) rispetto agli uomini, visto che tra questi ultimi la percentuale di chi denuncia sinistri con colpa si ferma al 4,10%, mentre cambieranno classe di merito il 5% delle donne. I meno penalizzati dal cambio classe sono chiaramente i piu’ giovani (peggiorer la propria classe di merito solo il 3,51% di chi ha meno di 30 anni); la performance peggiore si registra, invece, tra i piu’ adulti: oltre i 60 anni il 5,39% degli automobilisti cambier classe di merito

Analizzando la categoria professionale dichiarata in fase di preventivo, si scopre che sono i medici e gli infermieri ad aver chiesto in misura maggiore l’intervento della compagnia assicurativa e ad esserne penalizzati con un cambio di classe: tra di loro la percentuale arriva al 5,56%. Appena dietro troviamo gli insegnanti (5,46%) e i pensionati (5,45%). I piu’ prudenti, come sempre negli ultimi anni, indossano la divisa. Vigili urbani e membri delle forze armate sono le categorie piu’ attente al volante.

Geograficamente gli automobilisti piu’ distratti sono quelli del centro Italia. Infatti, il primato come regione con la percentuale piu’ elevata di soggetti che peggiorano la classe di merito e’ della Toscana (5,88%). Seconda l’Umbria (5,63%) e terzo il Lazio (5,55%). Fanalini di coda due regioni del sud: la Calabria (solo il 2,91% degli automobilisti ha dichiarato di aver avuto un incidente con colpa) e la Puglia (2,93%).