admin Novembre 11, 2016 Nessun commento

Un importante passo in avanti per la sicurezza stradale: l’autovelox e il Tutor potranno accertare anche le violazioni dell’assicurazione Rc auto e l’omessa revisione dei veicoli. E’ questa la (grande) novit di un emendamento al Ddl Stabilit appena approvato a met dicembre dalla commissione Bilancio della Camera, che modifica il Codice della strada. Prende quindi corpo quella grande novit anticipata qualche tempo fa dalla Polizia Stradale: si liberano agenti per controlli sul territorio (alcol test, droga, ecc.) e si delegano a sistemi elettronici l’accertamento di violazioni che possono essere controllate in automatico.

L’emendamento (a prima firma di Sergio Boccadutri, Pd) approvato quindi render possibile una vera e propria “stretta” su controlli che, per forza di cose, non potevano mai essere effettuati con la dovuta cura. Impossibile riuscire a multare o controllare tutte le auto presenti nel Bel Paese che non avevano un tagliando assicurativo. Infatti non e’ un caso che solo in Italia ci siano circa 4 milioni di auto che circolano senza assicurazione. Un caso unico in Europa dove, invece, da anni l’RcAuto e le revisioni vengono controllate in automatico, evitando la forte presenza di “furbetti” non assicurati.

Per capirci in Italia era possibile essere multati per eccesso di velocit con una vettura senza assicurazione ma ricevere solo la sanzione relativa al superamento del limite e non quella della mancata copertuta RcAuto. Finalmente il nostro Paese si adegua agli standard europei e, anche per questo, non sar piu’ possibile, invece, multare con le ‘street control’ le violazioni dell’assicurazione rc auto e della massa a pieno carico dei veicoli e rimorchi.