admin Novembre 11, 2016 Nessun commento

La crisi continua a farsi sentire, soprattutto nelle tasche degli italiani, che pero’ sanno a chi chiedere aiuto su come mettersi a riparo dai pericoli che l’economia ha riservato in questi anni. E lo fanno soprattutto grazie all’aiuto degli agenti assicurativi. Competenza, conoscenza personale e presenza in caso di problemi le caratteristiche che gli italiani apprezzano di piu’ negli agenti, e che li portano a consultarli nelle decisioni importanti, non solo riguardo i prodotti assicurativi. Lo rivelo uno studio dell’Osservatorio UnipolSai. Cifre elevate soprattutto per quello che riguarda i giovani, con il 27% dei ragazzi tra 18 e 24 anni che chiedono aiuto agli agenti assicurativi.

Lo scenario. In generale, quasi un italiano su due (42%) preferisce consultarsi con un professionista della propria citt quando deve prendere decisioni o fare acquisti importanti, come quelli relativi alla salute, alla casa e alla auto. In particolare spicca, tra le figure dei professionisti del territorio, quella della agente assicurativo: il 24% degli intervistati preferisce coinvolgere un agente nelle decisioni importanti e la quota sale al 27% quando si tratta di giovani tra i 18 e i 24 anni. Quando consultarsi con un agente assicurativo? Gli italiani scelgono di farlo, oltre che per la acquisto di una polizza auto (36%), soprattutto per la acquisto di beni e servizi a protezione della casa (32%), di servizi a protezione della salute (28%) e di servizi a protezione dagli infortuni (25%): un vero e proprio consigliere personale di fiducia sulle questioni che contano.

Le caratteristiche peculiari che gli italiani mettono in evidenza sono da ricercare per il 56% degli intervistati nella sua reale esperienza, mentre per il 31% e’ fondamentale la conoscenza diretta della persona; il 24% lo vorrebbe al corrente anche delle proprie abitudini di vita e il 29% indica la vicinanza del professionista anche quando ci sono problemi.

Il ruolo e le caratteristiche della agente assicurativo emergono in un quadro in cui piu’ in generale il professionista specializzato che conosco personalmente e’ la figura di maggior fiducia per oltre la met di coloro che si rivolgono al di fuori della ambito familiare (52%). Una fiducia di superiore a quella riconosciuta a siti web specializzati (31%).