admin Novembre 9, 2016 Nessun commento

Il mondo dell assicurazione auto ha subito nel corso dell ultimo anno una vera rivoluzione e probabilmente il 2015 verr ricordato, almeno sul fronte assicurativo, come un anno di svolta grazie ai numerosi cambiamenti avvenuti nel giro di pochi mesi. La scomparsa di alcuni documenti in formato cartaceo, sostituiti da quelli elettronici, e la progressiva introduzione di nuove tecnologie soprattutto in materia di controlli, sono le principali novit con cui si sono confrontati gli automobilisti.

Un primo grande scossone al mercato automobilistico e assicurativo era arrivato con l attuazione della Legge Bersani del 2007, che oltre all abolizione del tacito rinnovo e alla possibilit di cambiare compagnia assicurativa senza penali, ha offerto agli automobilisti italiani la possibilit di conservare la classe di merito maturata nel caso in cui decidessero di sottoscrivere una nuova polizza e di ereditare la classe di merito di un familiare convivente. Da qui in avanti le novit non sono certo mancate, ecco le piu’ importanti. La scomparsa del vecchio tagliando giallo dai parabrezza delle vetture, avvenuta lo scorso 18 ottobre, ha offerto un notevole contributo al processo di dematerializzazione del mercato assicurativo. Il vecchio tagliando dell assicurazione auto in formato cartaceo e’ stato infatti sostituito da nuovi sistemi di controllo telematici. Grazie alla creazione di un unica banca dati, gestita direttamente dalla Motorizzazione, e’ possibile verificare in tempo reale la copertura assicurativa del veicolo.

Anche il certificato di propriet ha cambiato aspetto e abbandonato il vecchio formato cartaceo. Dallo scorso 5 ottobre per certificare lo stato giuridico del veicolo e identificare il nominativo del proprietario bisogner semplicemente collegarsi all archivio ACI e accedere alla pagina personale dell automobilista. Cio’ vuol dire che al momento di acquisto di una vettura si ricever solo un attestato dell avvenuta registrazione del veicolo e il codice di accesso alla pagina personale.

A chiudere in bellezza quest anno denso di eventi contribuisce anche la recente approvazione della legge sull omicidio stradale, tornata alla Camera per l approvazione finale dopo l ok del Senato. Grazie a questo nuovo provvedimento chiunque si macchi di questo terribile reato dover affrontare pesanti sanzioni, con la reclusione in carcere fino a 18 anni per i casi piu’ gravi.